Sab 2 Feb – Milonga di Tangosognato

milonga 2 febbraio 2019

 

Milonga di Tangosognato

Sabato 2 febbraio dalle 22 alle 3

DJ Alessandro Del Bene

Si richiede il rispetto dei “codigos milongueros”, in particolare l’invito educato (con “mirada” e “cabeceo”), l’attenzione all’ingresso in pista, il rispetto assoluto della ronda.

Prenotazione necessaria degli ingressi via mail (beatricezernitz@virgilio.it), oppure via sms o whatsapp (333.1148968). Attendere la conferma della prenotazione. In caso di disdetta, si prega di avvertire tempestivamente via sms (333-1148968), onde consentire l’ingresso ad altre persone.

Ingresso con contributo di importo libero.
Info: Beatrice 333.1148968

AMA L’AUTOGESTIONE.  SUPPORTA IL CENTRO SOCIALE!!!

Ven 1 febbraio – L’uomo meccanico + Fetiche mascotte

l'uomo-meccanicoVenerdi’ 1 febbraio

ore 20 apericena
ore 22 proiezioni musicate dal vivo

L’uomo meccanico
di Andreè Deed, 1921

Sonorizzazione live a cura di: Eartseth (Bologna)

****

Fetiche la mascotte (The mascot)
di Wladyslaw Starewicz, 1933

Sonorizzazione live a cura di: Naotodate, Filippo Panichi, Sorelle Trapasso

 L’uomo meccanico

“L’Uomo Meccanico” è un film italo-francese del 1921, prodotto a Milano. L’attore protagonista e scrittore della storia è André Deed, un attore francese che aveva deciso di realizzare una trilogia horror con una casa di produzione milanese. La casa di produzione fallì e quindi l’unico film realizzato di questo progetto fu proprio “L’Uomo Meccanico”. Poiché si è perso il film “Il Mostro di Frankenstein” del 1914, “L’uomo Meccanico” è il primo film di fantascienza/horror prodotto in Italia ad oggi disponibile, seppur in versione mutilata.
La pellicola, infatti, era andata perduta e solo negli anni ’90 la Cineteca di Bologna è riuscita a restaurare l’ultima bobina rimasta al mondo, in pellicola infiammabile, rinvenuta in Brasile. Del film rimangono 43 minuti, sulla durata originaria che, stando al visto di censura, doveva attestarsi oltre l’ora e venti.
“L’Uomo Meccanico” è per questo poco conosciuto, sebbene rappresenti una tappa molto importante del cinema italiano.

Fetiche la mascotte (The mascot)

Ladislaw Starewicz (Starewitch) is perhaps the key figure in the history of stop-motion puppet animation. Over a period of 50 years, from Russia to France, he maintained a fascination with the strange, almost surreal properties of the form, exploring both its capacity for rendering realistic motion and movement, as well as its more “fantastic” and explicitly cinematic qualities. His films are marked by a concern with the animated nature of the cinematic medium, its ability to bring things and events to life while also retaining a trace of the arrested motion that is its foundation. His films are often joyful but somewhat cruel celebrations of movement, featuring characters that are often but one step or “stop” away from annihilation.

( continua a leggere su… http://sensesofcinema.com/2004/cteq/starewicz_mascot/ )

Sab 26 gennaio – Lettere dalla Catalogna + Dance Crasher!

26AMA L’AUTOGESTIONE, SUPPORTA IL CENTRO SOCIALE: NON TUTTA LA CITTA’ E’ IN VENDITA

- ore 21,30: presentazione di “LETTERE DALLA CATALOGNA”, alla presenza dell’autore, serie di interviste a militanti di base e protagonisti della battaglia politica e culturale in atto nello stato spagnolo
https://www.redstarpress.it/index.php/catalogo/unaltrastoria/product/view/3/21

- dalle 22,30: LIVE ON STAGE: FISH BONES
https://www.facebook.com/FishBones.Ska.Firenze/

- PRIMA E DOPO IL LIVE SELEZIONE VINILICA – SUL PROPRIO IMPIANTO AUTOCOSTRUITO – A CURA DI EMERSON SETTERS SOUND SYSTEM feat. DJ KAYA

WEB_letterecatalogna

Ven 25 gennaio – Peep Filthy generation Dude stalker Krasue Machete

25gennCollettivo nuovi Rumori & Csa NexT Emerson presentano:

——————
Inizio ore 22.00

Peep – Anti Power Power Violence da Milano
https://peepgang.bandcamp.com/releases

Filthy generation – ElettrPunk da Milano
https://filthygeneration.bandcamp.com/

Dude stalker – Hardelectro da Milano
https://dudestalker.bandcamp.com/

Krasue – NoPunk/glitter wounds da Bologna
https://krasue666.bandcamp.com/releases

Machete – Hc dritto in faccia da Firenze
https://www.facebook.com/Machete-Firenze-HC-246908652586588/

Il Babau in mostra – Dal 12 al 26 gennaio 2019

Prima mostra nei nuovi spazi del NEMA – Next Emerson Museo Autogestito. https://nema.noblogs.org
Per dare voce ai muri, alle pareti, ai soffitti, ai pavimenti del NextEmerson. Un museo autogestito fatto del/nel luogo che viviamo ogni giorno.

DSC 16Il Babau in mostra

L’escalation di paure, ansie, insicurezze a cui abbiamo assistito un po’ impotenti e smarriti in questi anni, trovano il proprio senso e giustificazione in aspetti diversi della realta’. Molto spesso tutto si riduce al soldo. La comprensibile paura di venire sommersi dai rifiuti viene incanalata nella costruzione di lucrosi inceneritori, la crisi economica viene coperta creando un clima nel quale lo spirito critico e’ annichilito su considerazioni elementari e fuorvianti: gli stranieri ci rubano il lavoro, i rom ci rubano i bambini, i rumeni ci rubano le donne, quando esci di casa c’e’ da aver paura, in italia non ci sono piu’ italiani e cosi’ via per tutti quegli aspetti che nulla c’entrano con i motivi del nostro misero quotidiano, ma che hanno presa sul nostro immaginario, sempre piu’ povero e devastato.
Il meccanismo e’ lo stesso se affrontato dal punto di vista culturale e della comunicazione. Siamo sommersi di messaggi discordanti, tesi a risvegliare il mostro, il babau, messaggi rivolti all’ombra che portiamo dentro per sovraeccitarla, sconvolgerla, renderla ansiosa, angosciata, paurosa di tutto o rancorosa, sprezzante e irrazionale quando torna utile.
Non c’e’ un motore occulto in tutto questo processo. Ci sono attori principali e piu’ importanti, lobby economiche e poteri forti, ma in generale assomiglia a un tutti contro tutti.

Ci sono delle voci dissonanti che criticano l’utilizzo che viene fatto della paura. alcune sono timide e disorganizzate, altre urgenti e concitate, altre ancora posate e illustri.
Noi volevamo rincorrerle ed acciuffarle tutte.
paura.anche.no ha voluto essere un collettore di amuleti e esorcismi che scarnificassero le nostre paure, le riducessero all’essenza, le guardassero in faccia.
Gli alchimisti cercavano il vero nome delle cose per possederle. Noi cerchiamo di dare un nome al nostro futuro per provare a riprendercelo.

I racconti, i disegni, tutti i materiali che vedrete in questa mostra sono stati raccolti e pubblicati nel 2009. compreso questo testo che avete appena finito di leggere.
Il babau si e’ aggirato per le strade di molte citta’, e’ diventato un libro, una mostra.

Sono passati dieci anni.
Avevamo ragione.

Il Babau e’ nuovamente in mostra dopo dieci anni al NEMA – Next Emerson Museo Autogestito, a Firenze.
Dal 12 al 26 gennaio 2019

Hanno illustrato il Babau:
AMAL, MP5, ANTONIO BRUNO, MARCO CORONA, MARCO CAZZATO, LRNZ, ZEROCALCARE, TUONO PETTINATO, SQUAZ, ALESSIO SPATARO, GIUSEPPE PALUMBO, ALBERTO CORRADI, CIRO FANELLI, ANDREA BRUNO, SERGIO PONCHIONE, RATIGHER, ILARIA GRIMALDI, COSIMO MAZZONI, MYGI, CARLO LABIENI, MAICOL E MIRCO, STEFANO ARTIBANI, MARCO BAILONE, DR PIRA, GIANLUCA CATALFAMO, CARLO BOCCHIO, ARMIN BARDUCCI, MARCO SOLDI, LUCHO VILLANI, PUVERILLE.

Lo hanno raccontato:
LUCCIOLE, ANTONELLA BECCARIA, ALBERTO PRUNETTI, ENZA PANEBIANCO, GINOX, PINCHE, DULCAMARA, ERIX, REGINAZABO, MIGUEL CALZADA, TIBI, EMANUELE DEL MEDICO, PAOLO MAFFEI, BENEDETTO MORTOLA, LUIGIA BENCIVENGA, SINAPSIPLAST, OLMO CERRI, L’OMBROSO, FIAMMA LOLLI, ALFREDO FAGNI, EMMETIEFFE+RZ

Ven 18 gennaio – Gufonero + La Cuenta

gufoneroPrima del concerto, cena solidale con pizza cotta nel forno a legna per tutti, a cura dei Вий – Vij per autofinanziamento del loro imminente tour sudista.

A seguire i live di:
- La Cuenta: da oltre 15 anni la band più lenta, sludge, doom e ad alto volume di sempre. Dalla toscana con la melma.
- Gufonero: duo hardcore noise sludge palustre e monolitico da Trento.

No tappi per le orecchie, no fasci.

Sab 12 gennaio – Do the steady!

12gennaioSABATO 12 GENNAIO 2019 – CSA NEXT EMERSON
DO THE STEADY!

BENEFIT DENUNCE SUBITE DA MAREMMA ANTIFA

>> ore 19.00: Presentazione MAREMMA ANTIFA
Maremma Antifa nasce nell’agosto del 2018 come piattaforma di aggregazione di tutte quelle realtà che si riconoscono negli ideali dell’antifascismo sul territorio grossetano. Le forze che si sono trovate a unirsi in assemblea hanno forme eterogenee: dai collettivi ai sindacati conflittuali, dall’associazionismo ai movimenti politici più radicali. Punti fondamentali che ci hanno mossi sin da subito sono stati una comunicazione serrata e uno scambio di pratiche e analisi con le altre realtà antifasciste diffuse sul territorio nazionale, nella convinzione che solo facendo rete sia possibile rispondere efficacemente all’ondata reazionaria che contraddistingue la fase politica attuale. L’occasione che ha reso urgente il coordinamento di questi soggetti è stato il raduno nazionale di CasaPound, svoltosi un fine settimana della prima metà di settembre in un residence a pochi km da Grosseto. Nostra intenzione principale era quella di oscurare la loro ridicola kermesse annuale e limitare la loro agibilità sul territorio, oltre a far sentire forte e chiaro alla cittadinanza che non avevamo la minima voglia di lasciare campo libero ai fascisti del nuovo millennio. Attraverso le mobilitazioni del 25 agosto e dell’8 Settembre siamo riusciti a dare una forte scossa in una terra fortemente pacificata, in cui la destra e i fascisti riescono da anni ad avere terra fertile. L’ entusiasmo e la determinazione a contrastare ogni forma di fascismo nella nostra provincia ci ha portato a non fermarci, mantenendo l’assemblea come presidio permanente della situazione a livello locale, con un occhio e una mano tesi alle esperienze su tutto il territorio nazionale.

>>ore 20.30: CENA SOCIALE a cura di Maremma Antifa

>>ore 21.00: Presentazione PCSP
“Reading da PCSP e da altri Libri di Alberto Prunetti”
PCSP (Piccola Controstoria Popolare) di Alberto Prunetti, edizioni Alegre, non è un romanzo, non è soltanto un libro di memorie popolari e neppure un inno al tempo che fu. È tutto questo e molto altro, miscelato nel linguaggio popolare della Maremma Toscana che spunta a connotare la realtà delle storie che vi si narrano e tracciano una scia luminosa per il futuro.

>>ore 23.00: DE MATOGAS live sul palco del CSA, the new rocksteady sensation!

>>prima e dopo il live LA SVOLTA – dj set, playing classics and rarities ska, rocksteady and fine reggae fever

DOM 13 GENNAIO – MILONGA La Matineè

milonga 2019 01 13

La Matinée – la milonga veramente pomeridiana di TangoSognato

Domenica 13 Gennaio 2019, dalle 16 alle 20,30
DJ Damian Boggio.

Si richiede il rispetto dei “codigos milongueros”, in particolare l’invito educato (con “mirada” e “cabeceo”), l’attenzione all’ingresso in pista, il rispetto assoluto della ronda.
Prenotazione necessaria degli ingressi via mail (beatricezernitz@virgilio.it), oppure whatsapp o sms (333-1148968). Attendere la conferma della prenotazione. In caso di disdetta, si prega di avvertire tempestivamente via sms (333-1148968), onde consentire l’ingresso ad altre persone.
Ingresso con contributo di importo libero.
Info: Beatrice 333.1148968

Ama l’autogestione. Supporta il centro sociale

Via di Bellagio 15 – Firenze