MERCOLEDI’ 8 APRILE ASSEMBLEA DI QUARTIERE AL CIRCOLO DI CASTELLO

Sottoattraversamento del Sodo, cementificazione dell’area Cerdec e di via di Bellagio, restrizione degli spazi verdi, aumento del traffico e diminuzione dei servizi e degli spazi sociali. Questo è quello che prevede l’approvazione del Regolamento Urbanistico Comunale per gli abitanti del Sodo e di Castello.

Un ulteriore peggioramento della qualità della vita se si aggiungono anche le previste costruzioni dell’inceneritore e dell’allungamento della pista aeroportuale nella Piana.

 

Alle scelte delle amministrazioni locali che non tengono conto dei bisogni degli abitanti e prevedono progetti che devastano salute, ambiente e socialità bisogna contrapporre l’opposizione concreta dei cittadini

 

 

Mercoledì 8 ore 21.00 c/o il circolo di Castello assemblea pubblica di quartiere su:

1 – Illustrazione delle norme del Regolamento Urbanistico riguardanti il Sodo e Castello

2 – Proposte di iniziative volte a contrastare le devastanti scelte dell’amministrazione

3 – Informazione sulla manifestazione dell’ 11 Aprile contro la costruzione dell’ Inceneritore e dell’allungamento della pista di Peretola

 

 

il Sodo e Castello sono di chi ci vive e ci lavora

Non deleghiamo a nessuno la nostra volontà di un quartiere

migliore e più vivibile

 

Csa next-emerson e abitanti del quartiere

 

 

 

Sab 14 marzo – L’amore fa schifo

14-marzoSabato 14 marzo

Collettivo Nuovi Rumori presenta:
L’amore fa schifo

P.R.O.B.L.E.M.S. – punk rock garage sparahood – Portland
http://problemspdx.com/

Suburban Uproar – nuclear punk – Trento

Lo scontro quotidiano – neo post pop punk – Firenze

Bomber 80 – Oi! Firenze
https://www.youtube.com/watch?v=OebXs9-D9co

ore 20.30 cena benefit laboratorio fotografico !

A seguire… MOGA DJ SET- Bastard Music for Bastard People

Dom 15 marzo – Homo Comfort

comfort+supportDomenica 15 marzo

la biblioteca del NexEmerson presenta…

19.30 presentazione
21 cena

Homo Comfort
di Stefano Boni, 2014 Eleuthera.
http://www.eleuthera.it/scheda_libro.php?idlib=360

La vita comoda piace a tutti, ma è proprio questa accettazione generale e acritica che va interrogata per comprendere i cambiamenti epocali indotti dall’imperante ipertecnologia. Prepotentemente entrata nella nostra routine quotidiana, la comodità è diventata non solo uno stile di vita ma anche un modo di conoscere che ha plasmato la cultura materiale e gli stessi modelli valutativi. Si configura dunque come un fatto sociale totale che ci consente di indagare la cesura antropologica che ha dato vita a una forma inedita di umanità: l’Homo comfort. Un’umanità che va liberandosi dalla fatica e dal dolore, ma che al contempo perde facoltà sensoriali e abilità conoscitive costruite nel corso dei secoli, diventando sempre più dipendente da una tecnologia che usa ma non conosce. Si delinea così un nuovo modo di stare-nel-mondo che risulta sì comodo, ma anche funzionale al mantenimento dell’ordine stabilito.

Via di Bellagio 15 – Firenze