Archivi categoria: Proiezioni

domenica 3 luglio – ciclo fantascienza italiana – proiezione di “i criminali della galassia”

Allo spazio Quilombo (secondo cancello)

Ore 20.00 Apericena

Ore 21.30 Proiezione di “I criminali della galassia ” di Antonio Margheriti, 1965

Mutanti, gente miniaturizzata, arti marziali, pistole che sparano fiammate, astronavi brutte e sangue finale.

È la prima e la migliore pellicola pubblicata del cosiddetto “quartetto Gamma Uno” (dal nome della stazione spaziale usata come ambientazione), una serie di quattro film a basso costo girati contemporaneamente nel giro di 3 mesi da Margheriti. L’intento era di dare vigore ad un genere “made in Italy” economico e che si differenziasse da quello ad altissimo costo delle pellicole statunitensi.

«Uno scienziato pericoloso nella sua folle genialità, donne misteriose che circuiscono le vittime designate, umanoidi dotati di quattro braccia: sono questi alcuni degli ingredienti che Margheriti impiega per rilanciare la fantascienza italiana. Il film, accolto con indifferenza dalla critica nostrana, è stato rivalutato nel corso degli anni come opera originale, ricca di spunti e di citazioni […].»
da Fantafilm

domenica 19 giugno – ciclo fantascienza italiana – proiezione di “terrore nello spazio”

Allo spazio Quilombo (secondo cancello)

Ore 20.00 Apericena

Ore 21.30 Proiezione di “Terrore nello spazio” di Mario Bava, 1965

Con due lire Mario Bava sforna un capolavoro dell’horror fantascientifico scopiazzato da mezzo mondo

Il film è stato citato come uno dei migliori film di fantascienza italiani del periodo e come fonte di ispirazione per la realizzazione di Alien (1979) di Ridley Scott

«Costretto a lavorare con un budget ridotto, Mario Bava sfrutta con intelligenza i risvolti orrorifici del soggetto per trasmettere visivamente il senso del mistero e della minaccia. Con pochi trucchi artigianali il regista crea un mondo silenzioso, soffuso di ombre e di nebbie avvolgenti, pronto ad esplodere ad un bagliore improvviso o ad un grido di terrore […] Caso più unico che raro per la fantascienza italiana, su Terrore nello spazio è stato scritto molto e in termini elogiativi, spesso con l’occhio rivolto al posteriore Alien e che ne riprende, con tutta evidenza, alcune situazioni chiave e l’atmosfera.» da Fantafilm

Una recensione qui https://www.altrimondi.org/terrore-nello-spazio/

dom 5 giugno – ciclo fantascienza italiana – proiezione di: la decima vittima

Allo Spazio Quilombo, secondo cancello

Ore 20.00 Apericena

Ore 21.30 proiezione di “La decima vittima”

Mastroianni ossigenato alle prese con una distopia sociale visivamente tra il futurismo avvenirista e la pop art. Unicum

In un futuro prossimo, al fine di contenere l’aggressività e la violenza, onde scongiurare qualsiasi germe di un eventuale conflitto bellico, è stata istituita una competizione a livello mondiale chiamata la Grande caccia, che conferisce ai propri iscritti la licenza di uccidere.

Un computer designa delle coppie di partecipanti, nel ruolo di Cacciatore e di Vittima. Il superstite dopo dieci competizioni, svolte alternativamente nell’uno e nell’altro ruolo, riscuote un cospicuo premio in denaro, con fama, onore e privilegi.

«La decima vittima sarà una satira del mondo attuale, una trasposizione allegorica di aspirazioni ed inquietudini dell’oggi dove verranno fustigati certi costumi, la ferocia dei rapporti individuali, l’arrivismo sociale dei tempi moderni.»
(Elio Petri, 1964)

«Una vicenda di fantasia che serve al regista Elio Petri per imbastire una denuncia contro il sistema capitalistico e contro l’invadenza dei mass media: gli uomini sono assimilati a merci di consumo, facilmente sostituibili, ed il loro ruolo sociale è circoscritto all’occasione di uno spettacolo di massa. Il film rientra nel genere della fantascienza italiana, ma si distingue per un impegno produttivo superiore alla media e per un intelligente utilizzo dei temi propri della commedia di quegli anni […]»
(Fantafilm
)

Regia Elia Petri anno 1965 durata 90 min

Prossime proiezioni

Domenica 19 Giugno: Terrore nello spazio

Domenica 3 Luglio: Criminali della galassia

sabato 19 febbraio dalle 16.30 – repair day, proiezioni e cena

Sabato 19 febbraio 2022

Ifdo – Hacklab fiorentino – presenta:

Repair Day

(dalle 16.30 alle 19)
Contro l’obsolescenza programmata…
Porta i tuoi oggetti rotti che proviamo a ripararli insieme!
Piccoli elettrodomestici, radio, stufe, lampade, tostapane, ventilatori, stereo…

Attenzione! Porta solo ciò a cui non tieni particolarmente: non è detto che la riparazione funzionerà.
Finita la giornata ti riporterai tutto a casa, rotto o riparato che sia!


Dalle 19 alle 23

Proiezione di

9

(Animazione – 2009 – di Shane Acker)
https://www.mymovies.it/film/2009/9/

Cena a cura della Palestra Popolare Sanpietrino

dom 26/09 proiezione “l’universale” spazio quilombo

Ore 18  Apertura cancelli, bevute, giochi e musica

Ore 20  Apericena dalla casa

Ore 21  Proiezione del film L’Universale

Sarà presente il regista, Federico Micali.

http://universaleilfilm.it

Se piove, la proiezione sarà all’interno.

——————————————————————————————

Lo Spazio Quilombo è aperto ogni domenica dalle 18 alle 23. Si entra dal secondo cancello venendo da via Giuliani.

dom 22/08 Proiezione “arrivederci saigon” – spazio quilombo

Lo Spazio Quilombo è aperto ogni domenica dalle 18 alle 23. Si entra dal secondo cancello venendo da via Giuliani.

Ore 18

Apertura Spazio Quilombo (secondo cancellone del Next Emerson) – cocktail, birrette, vinello fresco, dj set

Ore 21

Proiezione del film documentario Arrivederci Saigon, regia di Wilma Labate, Italia, 2018.

“Arrivederci Saigon” è l’incredibile storia delle Stars, la giovanissima band italiana che dalla provincia toscana viene spedita inaspettatamente in Vietnam, a suonare nelle basi militari americane.
 
Sono giovanissime, con la voglia di successo e di lasciare la provincia industriale dove vivono, così diversa dalle famose colline del Chianti: vengono dalle acciaierie di Piombino, dal porto di Livorno e dalle fabbriche Piaggio di Pontedera. È la provincia rossa delle case del popolo e del PCI e uscire da quella provincia è il loro sogno.
 
Siamo nel ’68 e ogni sogno sembra possibile. Ricevono un’offerta che non possono rifiutare: una tournée in Estremo Oriente, Manila, Hong Kong, Singapore…
Armate di strumenti musicali e voglia di cantare, partono sognando il successo ma si ritrovano in guerra, e la guerra è quella vera del Vietnam.
 
Dopo cinquant’anni “Le Stars” – Viviana Tacchella, Rossella Canaccini, Daniela Santerini e Franca Deni – raccontano la loro avventura vissuta per tre mesi nelle basi sperdute nella giungla, tra i soldati americani e la musica soul.
 

Domenica 8 Agosto – apertura spazio quilombo e proiezione di “louise-Michel”

Lo Spazio Quilombo apre alle 18.00

Dalle 21.30 proiezione di “Louise-Michel” – Regia di Benoit Delepine e Gustave Kervern

Prima vessate con orari e turni infami e successivamente lasciate senza un lavoro dall’improvvisa chiusura fallimentare dello stabilimento tessile dove lavorano, un pugno di operaie riunitesi per decidere che fare con i soldi della liquidazione …

Una commedia di resistenza sul nuovo proletariato francese.

Il titolo è un omaggio a Louise Michel, rivoluzionaria francese che combatté con la Comune di Parigi del 1871 e per i diritti dei lavoratori durante la sua vita.

Lo spazio Quilombo è all’aperto con entrata dal secondo cancello

Domenica 25 luglio h 21.00 – proiezione di “go dante go go go !

Proiezione del film indipendente e auto prodotto Go Dante Go Go Go, alla presenza del regista e dello staff.

La proiezione sarà all’aperto, l’ingresso libero. Dalle h 20.00 paella fino a esaurimento

Sosteniamo il cinema indipendente e gli spazi autogestiti!

Presso lo Spazio Quilombo @ NeXT Emerson (entrata dal secondo cancello venendo da via Giuliani)

Lunedì 5 luglio h 21.30 arena estiva Cinema di Castello – proiezione di “The milky way”

Csa Next-Emerson in collaborazione con il Cinema di Castello

Arena Estiva all’aperto – via Giuliani

Ingresso gratuito

Il film

Di giorno, le montagne tra Clavière in Italia e Monginevro in Francia sono attraversate da migliaia di sciatori in vacanza sulla neve nel comprensorio sciistico “La Via Lattea”. Di notte, sono percorse di nascosto, tra i boschi, da decine di migranti che lasciano l’Italia e che provano a superare una linea immaginaria chiamata confine per proseguire il loro viaggio in Francia. “The Milky Way” è la storia di solidarietà degli abitanti e dei pericoli affrontati dai migranti, raccontata attraverso scorci di vita e graphic-novel animate sullo sfondo del mondo di montagna nella consapevolezza che – qui come in mare – nessuno si lascia da solo.

Scheda

Durata: 84 minuti Anno: 2020

Regia: Luigi D’Alife

Cast (in ordine di apparizione) Angelo Bonnet, Walter Re, Renata Bompard, Silvia Massara, Davide Rostan, Micaillou , Solange Lefol , Michel Rosseau, Pierre-Yves Dorè, Matheus, Seedy Ceesay, Amadu, Riad

Note degli autori

Le Alpi occidentali tra Italia e Francia sono state nel corso dei secoli una frontiera naturale, così come un luogo di passaggio e d’incontro. I suoi colli costituiscono terra di connessione, mediazione tra popoli e culture differenti. La storia più recente ci racconta come negli ultimi 200 anni siano stati gli italiani ad attraversare clandestinamente il confine per andare a cercare lavoro in Francia, mentre oggi è una rotta utilizzata anche dai migranti di origine africana. Le recenti politiche di chiusura dei confini interni europei, hanno spinto le persone migranti alla ricerca di strade meno battute per lasciare l’Italia e proseguire il viaggio oltre il confine con la Francia, spingendoli a passare tra i sentieri di alta montagna.

The Milky Way è un film corale che, attraverso i racconti, la ricostruzione storica dell’emigrazione italiana degli anni ’50 e le storie dei migranti, getta luce sull’umanità che riaffiora quando il pericolo imminente riattiva la solidarietà, con la convinzione che nessuno si possa lasciare indietro, nessuno si salva da solo .

Lungometraggio realizzato tramite crowfunding e prodotto da “OpenDDB – produzioni dal basso” e “SMK videofactory”