Festival del Cinema Documentario Resistente 2019

Prima edizione del Festival del Cinema Documentario Resistente.

Cinema di Castello / NextEmerson
dal 18 al 20 ottobre 2019

Programma

Venerdi’ 18 ottobre – c/o Cinema di Castello

21.30 – The Harvest (di Andrea Paco Mariani, 73′, IT, FullHD, 2017, ita)
presenti Andrea Paco Mariani (regista), Marta Melina (produttrice)


Sabato 19 ottobre – c/o NextEmerson

18.00 – The battle for New York (di Valerio Ciriaci, USA, 2018) (collegamento video con il regista)
19.00 – presentazione del progetto SMK Videofactory
20.00 buffet

Sala I

21.00 presentazione di The Milky Way di Luigi D’Alife (in produzione) con proiezione di Sul Confine occidentale (IT, 2018, 20min, ita) di Luigi D’alife presente Luigi D’alife (regista)
22.00 Il massacro di Cizre (di Luigi D’alife, IT, 2015, 17min, ita)
22.30 The antifascists (di Patrik Öberg and Emil Ramos, SE, 2017, 75min, eng sub ita) (collegamento video con i registi)

Sala II

21.00 The Stone River (di Giovanni Donfrancesco, IT/FR, HD, 87min, eng sub ita)
22.30 Entroterra. Memorie e desideri delle montagne minori (di Andrea Chiloiro, Riccardo Franchini, Giovanni Labriola, Matteo Ragno, ITA, 2018, 61 min) (presenti gli autori)


Domenica 20 ottobre c/o NextEmerson

17.00 Deforestazione made in Italy (di Francesco de Augustinis, IT, 2019, 67min, ita)
18.00 Per Lorenzo, ultimo magnifico (di Alessandro De Angeli, IT, 2019, 11min, ita)
18.30 The Atomic Café (di Jayne Loader, Kevin Rafferty e Pierce Rafferty, USA, 1982, 86min, eng sub ita)Musicato dal vivo
20.00 buffet

Sala I

21.00 26 de diciembre (di Silvia Maggi, ES, 2017, 71min, es sub ita) (collegamento video con la regista)
22.30 Another Lisbon Story (di Claudio Carbone, PT, 2017, 59min, pl sub ita) presente Claudio Carbone (regista)

Sala II

21.30 Antifa, chasseurs de skins (di Marc-Aurèle Vecchione, FR, 2008, 65min, fr sub ita)
22.30 Ditching the fear (di Rosa Cannone e Johanna Schellhagen, 2015, 80min, ita sub eng)


Sinossi e info sui film

The Harvest
(di Andrea Paco Mariani, IT, 73′, FullHD, 2017, ita)

Un docu-musical che, per la prima volta, unisce il linguaggio del documentario alle coreografie delle danze punjabi, raccontando l’umiliazione dei lavoratori sfruttati dai datori di lavoro e dai caporali. Due storie che si intrecciano nel corso di una giornata, dalle prime ore di luce in cui inizia il lavoro in campagna alla preghiera serale presso il tempio della comunità.
Un duro lavoro di semina, fatto giorno dopo giorno, il cui meritato raccolto, tra permessi di soggiorno da rinnovare e buste paga fasulle, sembra essere ancora lontano.

The battle for New York
(di Valerio Ciriaci, USA, 2018)

Film in cinque parti: 1.  Rats in the Hallway // Working class women of color and young white socialists in an East Harlem join forces against a private equity slumlord.  2.  Seeing Green // Community organizers in Crown Heights and Flatbush clash with their community board representatives over zoning changes. 3. No Relief // Activists and tenants mobilize against rent hikes as the New York City Rent Guidelines Board prepares to vote on the 2018-2019 adjustments for rent-stabilized apartments. 4. Beyond Repair // With State rent regulations set to expire in June, a Queens tenant speaks out against the Major Capital Improvement program and the unfair rent increases it enables. Housing rights activists citywide gather to put pressure on Democratic lawmakers in Albany to pass a package of progressive reforms and eliminate MCI abatements altogether. 5. Wolf at the Door // As a Manhattan real estate developer makes arrangements to erect a new luxury tower, Ridgewood residents prepare for long-term resistance against gentrification and displacement.

The Milky Way
(di Luigi D’Alife, in produzione)Trailer

The Milky Way è un docufilm che si pone come obiettivo il racconto dei territori di confine delle Alpi occidentali tra Italia e Francia, in relazione alle persone che lo attraversano e agli abitanti che lo vivono, in una sorta di parallelo tra “ieri” e “oggi”, in uno schema molte volte sovrapponibile e che si riproduce con quasi le stesse dinamiche, nonostante il passare del tempo.

Sul Confine occidentale
(di Luigi D’alife, IT, 2018, 20min, ita)
Trailer

Sui pendii innevati dell’alta Val di Susa decine di uomini e donne provano tutti i giorni a sfidare le alpi per raggiungere la Francia.Queste strade di confine, questi sentieri, non sono una nuova rotta della migrazione, ma vedono transitare da centinaia di anni persone di ogni lingua e colore, in cerca di qualcosa di diverso, forse migliore, spinti dalla forza della libertà e della dignità.

Il massacro di Cizre
(di Luigi D’alife, IT, 2015, 17min, ita)Trailer

Cizre, estremo sud-est della Turchia. Il 4 Settembre 2015 un provvedimento del governatore di Sirnak dichiara lo stato di emergenza, un coprifuoco di 24 ore su 24 viene imposto a tutta la popolazione. Nessuno può uscire di casa, l’ospedale viene chiuso così come tutte le attività commerciali. Non c’è acqua ne corrente elettrica, i cellulari non funzionano, Cizre è isolata dal Mondo. Comincia l’assedio.

The Stone River
(di Giovanni Donfrancesco, IT/FR, HD, 87min, eng sub ita) Trailer

Un anziano scultore vaga nel cimitero di Hope, interrogando le tombe dei lavoratori della pietra che a cavallo tra Ottocento e Novecento partendo da Carrara e da mezza Europa giunsero a Barre, nel Vermont, dove si aprivano le più grandi cave di granito del mondo. Un viaggio metafisico nel presente della provincia americana, in cui i vivi prestano voce e corpo ai fantasmi dei loro avi. Un affresco sorprendente che ritrae l’epopea tragica di un’intera comunità impegnata nella perenne e titanica lotta contro la pietra, tra drammatiche battaglie sociali e morti bianche, tra lo splendore dell’arte scultorea e l’utopia anarchica, tra speranza e tragedia.

The antifascists
(di Patrik Öberg and Emil Ramos, SE, 2017, 75min, eng sub ita)Trailer

A low intense war is being fought on the streets of Europe and the aim is on fascism. This documentary takes us behind the masks of the militant groups called antifascists.
In 2013 a group of armed national socialists attack a peaceful demonstration in Stockholm where several people are injured. In Greece the neo-nazi party Golden Dawn becomes the third largest in the election and in Malmö the activist Showan Shattak and his friends are attacked by a group of nazis with knives and he ends up in a coma.
In this portrait of the antifascists in Greece and Sweden we get to meet key figures who explain their view on their radical politics, but also to question the level their own violence and militancy.

Entroterra. Memorie e desideri delle montagne minori.
(di Andrea Chiloiro, Riccardo Franchini, Giovanni Labriola, Matteo Ragno, ITA, 2018, 61 min)

Sono centinaia i paesi, le borgate e le frazioni abbandonate e sparse lungo tutta la dorsale appenninica. Sono la traccia sul territorio della marginalità delle aree interne e insieme il simbolo dei cortocircuiti di univoci modelli di sviluppo che troppo spesso hanno condotto altrove chi vi abitava. Oggi questa montagna minore è ancora vissuta. Tratto da un’esperienza di viaggio e di ricerca, Entroterra ricostruisce i recenti processi di spopolamento di territori molto distanti fra loro.
Dall’Emilia alla Calabria, dalla Campania all’Abruzzo, storie, luoghi e personaggi si intrecciano in un’unica voce appenninica, in cui eventi e tendenze affini rivelano nuove prospettive e possibili radicamenti in alta quota.

Deforestazione made in Italy(di Francesco de Augustinis, IT, 2019, 67min, ita)
Trailer

Siamo nel Nordest del Brasile, in Pará, nel cuore della foresta Amazzonica. Eppure lo scenario non è quello che ci aspettiamo di trovare. Non ci sono alberi, non ci sono animali esotici che si muovono da un ramo all’altro. C’è una grande distesa di terra battuta, rossastra, solcata da decine e decine di camion. È da questo luogo desolato che partono per un lungo viaggio i tronchi tagliati illegalmente nella foresta e le altre merci prodotte in questa regione, legate a doppio filo con la deforestazione.   Attraverso una serie di salti da una parte all’altra dell’Oceano, sulla stessa rotta delle grandi navi cargo, seguiamo il legname illegale, la carne di manzo, la pelle, la soia, fino in Europa, in Italia. Qui queste commodity a rischio sono utilizzate per produrre la maggior parte delle eccellenze del Made in Italy: dai mobili, alla moda, alla gastronomia famosa in tutto il mondo.
Ma si può davvero parlare di eccellenza, quando queste industrie si fondano sulla deforestazione tropicale?

Per Lorenzo, ultimo magnifico
(di Alessandro De Angeli, IT, 2019, 11min, ita)

A distanza di due anni dalla scomparsa di Lorenzo Bargellini, un breve collage video per ricordarlo, con la consapevolezza del vuoto che ha lasciato e della necessità di riempirlo in continuità con i quasi trent’anni di lotta che lo hanno visto protagonista.

The Atomic Café(di Jayne Loader, Kevin Rafferty e Pierce Rafferty, USA, 1982, 86min, eng sub ita)Musicato dal vivo
Trailer

“Tra i documentari più importanti del 20° secolo, The Atomic Café (1982) smascherava, grazie anche alle armi dell’humor nero e della satira, i paradossi della propaganda mediatica pro-nucleare tra i ’40 e i ’60, spesso grottesca, che a partire dai centri del potere si insinuava nelle case dei comuni cittadini e in tutta la cultura popolare statunitense: la  Grande Bomba come benefico e generoso dono all’umanità, la leva su un patriottismo d’accatto, sullo spauracchio comunista, su un surreale volere divino, la rimozione totale delle orribili conseguenze della catastrofe di Hiroshima.” (sentieriselvaggi.it)

26 de diciembre
(di Silvia Maggi, ES,2017, 71min, es sub ita)Trailer

Per un mese, la regista Silvia Maggi e la ricercatrice Silvia Radicioni assieme al loro team hanno seguito la comunità Fundación 26 de Diciembre a Lavapies, Madrid, durante il processo di creazione della loro nuova casa per anziani LGBT. Documentando la vita quotidiana all’ interno della comunità, questo lavoro mette in discussione le questioni dell’assistenza agli anziani, vita in comune e l’attivismo politico in tempi di cambiamento sociale. Quali sono le esperienze, bisogni e sogni, una volta che si passa una certa età, e come si fa a reagire e dare voce a questo paesaggio in cui sono presenti l’isolamento, la discriminazione e la stigmatizzazione?

Another Lisbon Story
(di Claudio Carbone, PT, 2017, 59min, pl sub ita)Trailer

Il Bairro da Torre è un quartiere vicino Lisbona. I residenti sono parte attiva nelle decisioni del quartiere ed un gruppo di ricerca segue il processo d’inclusione nella società.
Nate a lato dell’attuale aeroporto di Lisbona in seguito ad un’occupazione illegale da parte di popolazioni portoghesi, africane e gitane, queste abitazioni non legalizzate sono frutto dell’assenza di una politica che non ha risposto negli ultimi anni alle carenze e necessità di quelle popolazioni con basso reddito, le quali hanno cercato mezzi alternativi per “risolvere” il problema della casa.

Antifa, chasseurs de skins
(di Marc-Aurèle Vecchione, FR, 2008, 65min, fr sub ita)Trailer

À Paris, au début des années 1980, le mouvement skinhead venu d’Angleterre arrive en France.
Ce sont principalement les skinheads nationalistes qui vont défrayer la chronique pour la décennie à venir, à coup de provocations et de crimes racistes.
De nouvelles bandes se réclamant elles aussi du mouvement skinhead : les Red Warriors, les Ruddy Fox ou encore les Ducky Boys vont alors s’engager dans une confrontation directe et auront pour principale motivation de lutter contre les skinheads nationalistes et leurs actes racistes, en recourant entre autres moyens à la violence.
On les surnommera les « chasseurs de skins ».

Ditching the fear
(di Rosa Cannone e Johanna Schellhagen, 2015, 80min, ita sub eng)

Since 2008 in northern Italy, unusual things have been happening. Companies, the polical class and the media are using the onset of the crisis to further undermine workers’ rights, which have been, up until now, crushed. On the other side, a lively and strong resistance has been forming at the bottom end of the wage scale.

Via di Bellagio 15 – Firenze