Archivi tag: canto

Mercoledì 1 luglio Giardino Next-Emerson – proiezione di “Caterina”

Mercoldì 1 Luglio alle 21.30 nel giardino del Csa Next-Emerson proiezione di “Caterina” a cura di Kin8

Caterina, film diretto da Francesco Corsi, è un documentario su Caterina Bueno, cantante ed etnomusicologa fiorentina , che ha svolto un importante compito di ricerca all’interno della musica popolare italiana. Un racconto che si snoda tra immagini e parole di una delle maggiori interpreti del folklore musicale. È stato proprio grazie a Caterina Bueno che molti canti popolari e della tradizione contadina, trasmessi fino a quel momento soltanto oralmente, sono potuti sopravvivere fino a oggi, non rischiando di essere completamente abbandonati all’oblio.
Il percorso artistico e di ricerca della Bueno ha intrecciato più volte quello di altri intellettuali dell’epoca, come Dario Fo, Pier Paolo Pasolini, Umberto Eco, Francesco De Gregori e molti altri. Caterina Bueno, morta nel 2007, è oggi una delle più grandi etnomusicologhe che hanno segnato il mondo culturale apportando contenuti agli studi di questa disciplina e diffondendo gran parte dei canti riscoperti, grazie al suo lavoro. Qui il trailer https://www.comingsoon.it/film/caterina/58219/video/

Anno 2019
Regia Francesco Corsi
Paese Italia
Durata 75 minuti

Le prossime proiezioni:

Merc 8 Luglio: Electric Dragon di Sogo Ishii
Ven 17 Luglio: La Forza del Singolo di John Avidsen
Merc 22 Luglio: Lo and Behold di Werner Herzog
Merc 29 Luglio: All’Assalto – Le radici del Rap italiano di Paolo Fazzini


Corso di tecnica vocale 2015/2016

cabaret-corsoIl NextEmerson Cabaret presenta:

*************************************************
Corso di tecnica vocale – anno 2015/2016
Tutti i lunedi’ dalle 19.30 alle 22.00
DA LUNEDI’ 16 NOVEMBRE 2015
*************************************************

Per principianti e non, lezioni collettive e autogestite. Impostazione di base, potenziamento, correzioni, nuovi sviluppi. Gratis, ovvio.

Cercheremo insieme un approccio tecnico, ma anche divertente, alla gestione della voce: respirazione diaframmatica, sostegno e contegno ; ), uso dei registri e dei risuonatori, timbrica e dinamica, miglioramento dell’intonazione e dell’estensione, ricerca del suono naturale, esplorazione delle distorzioni e delle vocalita’ estreme.

Saremo nel bistrot (sala concerti piccola).
Se vi servono ulteriori informazioni scrivete a:
assemblea @ csaexemerson.it oppure passate direttamente un lunedi’!

Brugole e merletti 2015

Eccoci arrivati alla terza edizione di Brugole e merletti!
Di seguito il programma.
Tutte le info complete su http://doityourtrash.noblogs.org

programmaVen 17 aprile

Sab 18 aprile

 

Ma cos’e’ Brugole e Merletti ???

Negli ultimi cinquant’anni si e’ fatta strada nelle nostre vite un’insistente idea di progresso. Il benessere individuale si misurava in soldi, macchine e elettrodomestici, la crescente padronanza nell’uso delle tecnologie informatiche ci avrebbe affrancato dalla schiavitù del lavoro. L’informatica e la microelettronica sono state elette a scienze del futuro, i tecnici sacerdoti di una casta oscura. Eppure smontare un computer non è molto diverso da smontare un motore. La tecnologia del progresso era una tecnologia inaccessibile e lontana, determinata dall’alto e guidata da scelte di mercato. Saper lavorare la terra, conoscere i ritmi delle stagioni, essere in grado di intrecciare cesti, riparare macchine diventava il simbolo di un “vecchio mondo”. Il mondo nuovo, quello veloce e elettronico, ci avrebbe liberato: ci avrebbe dato cibo in abbondanza senza farci faticare, ci avrebbe riempito di cianfrusaglie bellissime, di plastica usa e getta, di una frivola e rilassata agiatezza.

Arrivati ad oggi pero’ è sempre piu’ difficile riuscire seriamente a sostenere l’ideologia di un progresso le cui macerie e devastazioni crescono di giorno in giorno. Abitiamo un mondo soffocato dal cemento, dalla plastica e dai rifiuti, la tecnologia, lungi dall’affrancarci, ci ha invece reso ancora piu’ dipendenti e ansiosi.
Traditi da un’idea falsa e inconsistente, ci siamo ritrovati un bel giorno spiazzati, con delle mani sempre piu’ inutili e incapaci di sopravvivere senza un supermercato aperto.
Triste è il futuro, se non impariamo da capo le conoscenze che abbiamo perso, vuote le critiche, se non alleniamo il cervello a una pragmaticità della sopravvivenza.

Dobbiamo riproporci di diventare abili in mille tecniche, utilizzare la curiosita’, ibridare le specializzazioni, recuperare le vecchie capacita’ perdute e unirle alle possibilita’ date dai nuovi strumenti. Una stampante 3D ci aiuterà a riparare un tornio, un software open source ci permettera’ di entrare nella centralina della nostra automobile..
Non e’ importante la tecnica, e’ importante l’approccio. Sporcarsi le mani imparando collettivamente e’ l’essenza dell’autogestione.